IN RIFERIMENTO ALLA PROPOSTA DI DIMENSIONAMENTO

In riferimento alla proposta di dimensionamento del Liceo scientifico “G. Marconi” di Carrara e conseguente accorpamento con l’ITIS Zaccagna-Galilei, FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, RUA, come emerso dalla discussione del 6 novembre scorso, fanno presente che una simile decisione, di fatto determinata dalla scelta emergenziale a suo tempo compiuta di ospitare in un unico edificio i due Istituti e dalla successiva incapacità di destinare, come promesso, una sede idonea per il Liceo, incontra com’è noto l’opposizione di tutto il personale della scuola, il cui coinvolgimento è invece necessario per dare corpo e sostanza didattica a qualunque ipotesi di unione.

In questo momento Zaccagna e Marconi, come dimostrato dalla crescita dell’utenza di entrambe le scuole, da Prove Invalsi e competizioni di vario genere, sono istituti di eccellenza ed un accorpamento affrettato potrebbe avere ripercussioni negative sul rendimento dell’offerta formativa. Inoltre non è escluso che l’accorpamento non comporterebbe una perdita di posti di lavoro sull’organico ATA. In un’ottica provinciale, c’è anche da dire che la somma aritmetica degli alunni interessati all’accorpamento proposto, eccederebbe di circa 300 unità il parametro considerato ottimale dalla stessa Regione Toscana. Ciò ad ulteriore conferma dell’inutilità di tale intervento.

Isa Zanzanaini

FLC CGIL Massa Carrara

Lucia Natali

CISL SCUOLA Toscana Nord

Assunta Tartarini

UIL SCUOLA RUA Massa Carrara

Joomla templates by a4joomla